Architettura: dieci idee visionarie per il futuro del design

Condividi su print

Cosa viene in mente quando immaginiamo il futuro dell’architettura? Grattacieli di vetro dalle forme stravaganti? Città galleggianti fatte di edifici a grappolo traboccanti di verde? Mattone riciclato? O un diagramma che spiega come funziona un sistema di intelligenza artificiale?

Nel suo nuovo libro Radical Architecture of the Future la curatrice ed editrice Beatrice Galilee prova a rispondere alla domanda presentando 79 progetti di architetti, artisti, registi, game designer, ricercatori e molti altri.

Questi progetti indicano una “direzione possibile per il futuro dell’architettura“, racconta Beatrice Galilee e descrive il libro come un “faro”, un segnale di speranza nel buio della crisi climatica e delle disuguaglianze sociali avvertite sul pianeta. Eppure, lungi dall’essere un elenco di sogni utopici, ciascuno dei progetti presentati in Radical Architecture è stato realizzato. Questi sono casi di studio già esistenti che dimostrano che il futuro è già stato costruito da architetti e designer ispirati in tutto il mondo.

Abbiamo bisogno di buone idee e abbiamo bisogno di immaginazione, e penso che il design architettonico sia un buon posto dove cercarlo“, dice Galilee.

Le 10 idee chiave esplorate nel libro di Galilee e i progetti che le danno vita.

Progettare con e non contro la natura
Una delle figure più influenti dell’architettura contemporanea non è affatto un architetto. Donna Haraway è una filosofa femminista le cui idee su come interagiamo in modo più equo con il mondo naturale stanno cambiando il modo in cui progettiamo gli edifici. Galilee vede la sua influenza nel lavoro di architetti come Junya Ishigami, il cui onirico giardino acquatico Art Biotop a Nasu, in Giappone, è stato costruito spostando 318 alberi da un prato vicino per impedirne la distruzione. Allo stesso modo, la Moschea Bait Ur Rouf dell’architetto bengalese Marina Tabaassum a Dhaka è progettata per attirare la luce del sole e creare motivi sorprendenti all’interno dello spazio sacro.

Ridurre Riutilizzare Riciclare
Siamo abituati a riciclare in casa, ma come farlo su scala edilizia? Studi di architettura come Rotor, con sede a Bruxelles, e Lacaton & Vassal, con sede a Parigi, hanno sviluppato modi per ridurre gli sprechi di materiale producendo splendidi edifici, il che è molto importante quando l’industria edile rappresenta quasi il 40% delle emissioni di CO2 nel mondo. Lacaton & Vassal hanno recentemente ricevuto il Pritzker Prize, il più prestigioso riconoscimento per l’architettura, in riconoscimento dei loro progetti che ristrutturano, piuttosto che demolire, edifici di edilizia popolare in Francia. Rotor, nel frattempo, ha creato una propria attività di riciclaggio di materiali da costruzione. “È una specie di mini-rivoluzione in sé, molto sensata e pratica“, afferma Galilee.

Innovazione nei materiali
L’utilizzo di materiali innovativi può aiutare a ridurre l’impatto ambientale delle costruzioni. Ad esempio, l’etilene tetrafluoroetilene (ETFE) è un tipo di plastica leggera che può essere utilizzata per raffreddare edifici, come l’auditorium e il centro congressi di Plasencia in Spagna, prodotto da SelgasCano. Tuttavia, i materiali più adatti sono talvolta quelli disponibili localmente. Il complesso religioso e laico dell’Atelier Masōmī e dello Studio Chahar a Dandaji, in Niger, utilizza mattoni di terra compressa e altri materiali raccolti entro un raggio di cinque chilometri dal sito. Atelier Masōmī è un “campione nel sostenere le tradizioni dell’architettura di terra della regione, riducendo o eliminando i materiali da costruzione sintetici o occidentali importati“, scrive Galilee.

Affrontare l’ingiustizia
I lettori di Radical Architecture potrebbero essere sorpresi di trovare un progetto fotografico sulla crisi idrica a Flint, Michigan, in un libro di architettura. “Non puoi differenziare le città in cui viviamo dai valori che le hanno modellate“, dice Galilée, riferendosi al razzismo e alla segregazione insiti nella pianificazione urbana di molte città degli Stati Uniti, dove vive. La serie fotografica Flint Is Family Part I di LaToya Ruby Frazier mette in evidenza l’impatto degli ambienti costruiti sul fiorire o sulla distruzione dei mezzi di sussistenza, mentre Color  Theory di Amanda Williams è una serie di case dipinte in modo distintivo a South Chicago, ognuna di esse condannato alla demolizione, e che rende visibili le dinamiche di sviluppo del suo quartiere, segnato dalla razza.

Convivere
Oltre a evidenziare le ingiustizie, i progetti presentati nel libro mostrano come gli architetti possono influenzare il modo in cui viviamo insieme e costruire comunità più eque. Granby Four Streets è un progetto realizzato da Assemble a Liverpool, nel Regno Unito, che ha restaurato abitazioni abbandonate e creato spazi per laboratori e un giardino condiviso in collaborazione con un fondo comunitario per la terra. Altrove, i progetti in Cina stanno esplorando come il turismo guidato da architetti e artisti possa produrre nuovi punti focali per i residenti: i nuovi edifici di Xu Tiantian a Songyang includono una sala per le feste, una sala da tè e una fabbrica di tofu, mentre l’artista Ou Ning ha lavorato con Bishan Township a provincia di Anhui per produrre la sua valuta e passaporti, nonché un centro di apprendimento e una galleria d’arte. “Mi piace l’idea che gli architetti siano agenti di cambiamento, persone che hanno visioni e idee che vanno oltre la semplice risposta ai clienti“, afferma Galilée.

Lusso pubblico
I grandi spazi devono essere accessibili a tutti e Radical Architecture mette in risalto i progetti di architetti che portano una qualità lussuosa negli spazi pubblici. Ad esempio, a Port-au-Prince, Haiti, Emergent Vernacular Architecture ha progettato un anfiteatro in collaborazione con i residenti locali dopo il terremoto del 2010. Lo spazio risultante è una serie di cerchi concentrici con aree salotto, giardini piantumati e attrezzature per esercizi. Secondo Galilee, “questo non è un approccio commerciale allo spazio pubblico, ma un approccio comunitario allo spazio pubblico“. In Giappone, la compagnia ferroviaria Seibu ha invitato Kazuyo Sejima – “uno dei più importanti architetti viventi” – a progettare un vagone ferroviario. Il treno ha enormi finestre per avvicinare i passeggeri ai paesaggi di passaggio ed è stato progettato per “trasmettere l’avvento dell’era digitale nei trasporti”.

I dati modellano il nostro modo di vivere
Proprio come un tempo strade e ferrovie definivano i paesaggi del futuro, oggi i sistemi di dati hanno cambiato radicalmente le nostre vite: come ci muoviamo, comunichiamo e persino come accendiamo le nostre luci. Artisti, architetti e ricercatori come James Bridle, Kate Crawford, Vladan Joler e Andrés Jaque esaminano attentamente questi sistemi per capire meglio come funzionano, come modellano le nostre società e il loro costo. Bridle, ad esempio, ha studiato l’impronta di carbonio dei nostri servizi Internet apparentemente simili al cloud e il progetto Intimate Strangers di Jaque presenta l’app di appuntamenti Grindr come una forma di pianificazione urbana. Anatomia di un sistema di intelligenza artificiale di Kate Crawford e Vladan Joler è uno studio microscopico di come è fatto un Amazon Alexa, rendendo visibile il lavoro umano necessario per produrre quella voce incorporea nel tuo salotto.

Trovare l’umano nel post-umano
Sistemi di dati sempre più intelligenti significano che alcuni edifici sono progettati e persino occupati senza considerare gli esseri umani. Le opere creative dell’artista Cao Fei e del designer / regista Liam Young ispirano il pubblico a pensare a come questi cambiamenti influenzeranno le nostre vite: come viviamo, lavoriamo e persino trascorriamo del tempo insieme. Il film Asia One di Cao Fei descrive l’interno di un centro di distribuzione completamente automatizzato gestito dalla tecnologia AI a Shanghai, dove gli esseri umani sembrano fuori posto tra le macchine, e In the Robot Skies di Liam Young è una storia d’amore londinese del prossimo futuro raccontata con e sui droni. Per Galilee, “la finzione di queste cose è un modo morbido per accedere a domande molto problematiche“.

Anche i nostri corpi sono progettati
Non stiamo solo cambiando ciò che ci circonda, ciò che ci circonda sta cambiando noi“, afferma Galilee, spiegando l’inclusione nel libro degli architetti di New York SO-IL e della body architect Lucy McRae. Il film di Lucy McRae The Institute of Isolation immagina come possiamo addestrare i nostri corpi a sopravvivere in ambienti ultraterreni, mentre Air for Air di SO-IL vede artisti indossare strutture leggere come estensioni del proprio corpo. I progetti di questi professionisti ci incoraggiano a riflettere su come i nostri corpi interagiscono con i nostri ambienti, un argomento caldo al tempo della pandemia.

Nuovi immaginari
Progettare un futuro migliore significa anche progettare nuovi modi di vedere il mondo. La finzione creativa e la fantasia possono produrre mondi che desideriamo vedere e ispirarci su come arrivarci. Ad esempio, i disegni di Hannah Beachler per Wakanda nel film Black Panther immaginano come si sarebbero sviluppati paesi come il Senegal e l’Uganda se non fossero mai stati colonizzati, e i film “afrobubblegum” di Wanuri Kahiu mirano a cambiare il modo in cui le città africane contemporanee sono rappresentate e comprese intorno il mondo. Everything, un videogioco del designer David O’Reilly, spinge i limiti dell’immaginazione consentendo ai giocatori di assumere i ruoli di quasi tutto nell’universo – dai batteri agli orsi alla galassia – allo scopo di cambiare la nostra percezione dell’altra vita forme. “Come ti consideri un prodotto di tutto?” chiede Galilea. “Non puoi disconnetterti dal marciapiede, dagli alberi, dagli insetti. Lavoriamo tutti insieme, e questo è l’ecosistema in cui viviamo. Tutti i progetti presenti nel libro cercano di attirare l’attenzione su questo punto. Architettura è solo una cosa, una cosa che è interconnessa“.

In copertina, l’auditorium di Plasencia, in Spagna, è realizzato con un materiale innovativo e leggero, foto di Iwan Baan.

CONDIVIDI >

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest